Legambiente su abolizione referendum caccia:
Insieme al referendum cancellato un pezzo di democrazia. Non è questa la politica che vogliamo!”

“Non è questa la politica che vogliamo, sempre più distante dai cittadini e dalla realtà!” – Così commenta Fabio Dovana, presidente Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, la firma del Presidente Cota al decreto che abolisce il referendum sulla caccia – “Nonostante sia sotto gli occhi di tutti il parere dei piemontesi sulla caccia e il numero e l’età di chi pratica questo poco condivisibile hobby, la Regione Piemonte è riuscita nel suo intento di affossare una consultazione popolare legittimata da oltre 60.000 firme raccolte, e riconosciuta definitivamente dalla Corte d’Appello di Torino e dal Tar Piemonte dopo 25 anni e ben 9 gradi di giudizio. Un nuovo escamotage formale che cancella il referendum e un pezzo di democrazia nella nostra regione ma non cancella la voglia dei piemontesi di esprimersi su questo tema. Ci aspettiamo che la grande indignazione provata da molti di noi a fronte di questa notizia non cada con il referendum, ma che prosegua e si alimenti…la politica non potrà ignorare i cittadini e le loro richieste per sempre. Per questo Legambiente farà sentire la propria voce il 3 giugno in piazza a Torino alla manifestazione nazionale indetta dal Comitato promotore del referendum”.

Ufficio stampa Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta:
011.2215851 – 392.9935376